Immersione nell’Albero della Vita e le sue lettere ebraiche

L’altra settimana, ho fatto un tuffo. Non nelle acque del Mediterraneo ma in un Albero e le sue lettere durante un splendido seminario con il mio maestro di Cabala Marco Marini, dedicato allo sblocco di ciò che ci rallenta nella realizzazione del nostro destino.

“Cosa?!” esclamerai se sei a digiuno dell’argomento. E cosi mi dai l’opportunità, prima di tutto, di dare alcune spiegazioni sull’Albero della vita e i suoi 22 sentieri, uno degli strumenti preferiti di studio e d’ispirazione nella mia tavolozza arte-terapeutica.

L’Albero della Vita costituisce la sintesi dei più noti e importanti insegnamenti della cabala ebraica. E’ un simbolo composito che rappresenta il programma secondo il quale si è svolta la creazione dei mondi. Seguendo il cammino di discesa, le anime e le creature raggiungono la loro forma attuale. Percorrendo il sentiero di salita, l’intero creato può ritornare al traguardo cui tutto anela.

Al livello pratico, è un disegno costituito da dieci entità chiamate Sefiroth. Sono 10 fasi di evoluzione del macrocosmo, e al livello microcosmo, i differenti livelli di consapevolezza che un uomo deve acquisire per avvicinarsi a Dio.

Sono associate alle situazioni pratiche ed emotive attraversate da ogni individuo, nella vita quotidiana. Questi dieci principi basilari, riconoscibili nella molteplicità disordinata e complessa della vita umana, sono capaci di unificarla e darle senso e pienezza.

Sono disposte lungo tre pilastri verticali paralleli. A sinistra è il pilastro della Severità. Associato alla FORMA, è l’universo della padronanza, del potere, della giustizia, della definizione. A destra,  si chiama Pilastro della Grazia. Associato alla FORZA, rappresenta la vita in movimento, senza ostacoli. Al centro tra Forma e Forza, c’è il Pilastro dell’Equilibrio, associato alla Coscienza.

Le Sefiroth sono pure collegate tra loro da 22 sentieri, associati a 22 lettere dell’alfabeto ebraico. Sono fasi di consapevolezza soggettiva, mediante le quali l’anima sviluppa la sua concretizzazione del cosmo.

Lavorare sull’Albero della Vita costituisce un modo di comprendere quali sono gli ostacoli che abbiamo trovato e ancora troviamo sul nostro cammino e il perché, in modo da poterli superare e proseguire il nostro percorso di  evoluzione.

Puoi trovare altre foto sul mio sito  e anche sul mio libro “Il cancro ha guarito la mia vita”. dove espongo in particolare come mai il percorso tramite questi sentieri può trasformare il percorso di ciascuno.

Questi 3 giorni in Umbria sono stati una favolosa opportunità per riconnettermi con le lettere in tutti i modi. Meditazione, viaggi astrali, scrittura, dipinti di quello che mi ispirano…  Le pratico già con diverse modalità, ma non le avevo mai ballate! L’anno scorso, avevo seguito un seminario “La lettera, strada di vita” di Annick de Souzenelle, una dei massimi esperti in questo campo (alcuni suoi libri sono tradotti in Italiano) e avevo assistito a un piccolo balletto ispirandosi dalle lettere. Con Marco mi sono ritrovata a “essere” ciascuna lettera, il mio corpo mimetizzandole, l’una dopo l’altra in una lenta coreografia sacra. Le lacrime mi scivolavano per le guancie nella gioia provata a ritrovare queste vecchie amiche fedeli che avevo un po’ tralasciate ultimamente. Sono 22 e la mia memoria non si ricorda di tutti i movimenti, però lo faccio al mio modo adesso e la sensazione di connessione con la loro energia è veramente bella!

Un’altra interessantissima cosa è anche la corrispondenza delle lettere con i 22 arcani maggiori dei Tarocchi. Con il loro aiuto, abbiamo dedicato un’intera serata a analizzare un “istantaneo” del nostro Albero al momento presente, a identificare le nostre risorse e su quali debolezze portare la nostra attenzione per trasmutarle in opportunità di crescita.

Infine, tra tutti i lavori eseguiti, uno mi rimane particolarmente impresso nella mente. Si faceva all’interno di un grande Albero della vita rappresentato a terra dove era stato inserito il mio tema astrologico. Seguendo le istruzioni di Marco, ho percorso dei sentieri precisi, portandomi da una Sephiroth all’altra, con l’obbiettivo di favorire la realizzazione del mio destino! Ti assicuro che non è roba da poco!

Ultima informazione: fino al 13 Luglio 2012, c’è uno sconto supplementare del 18% nella boutique – libreria di Lulu (in più del 20% estivo offerto da me) dove puoi acquistare il mio libro http://www.lulu.com/spotlight/Annick18 . Codice da inserire al momento dell’ordine PESCATA

Articoli correlati:

Londra accoglie la donna che ringrazia la vita

In anteprima

E’ nato! Basta scriverlo!

Al di là della coscienza o la nascita di una nuova terapia:

Era un po’ più di un anno fa… inizio Dicembre 2007.  Ricevo una strana domanda. Un’ex allieva dei miei corsi di pittura mi chiama e mi chiede di riceverla per delle sedute di Theta Healing. Giulia è una brillante terapeuta e s’interessa a tutte le possibilità di guarigione tramite l’energia e la spiritualità. Certo, ho seguito i corsi di Theta Healing DNA 1, 2 e Avanzato ma ho praticato solo su me stessa. Non mi sento assolutamente in grado di prendere una cliente in carico. Di conseguenza, la indirizzo verso la mia insegnante.

Mi richiama qualche giorno dopo e insiste. Sente che vuole assolutamente scoprire questa tecnica con me e nessun’altra. Si fida di me per applicarla al mio modo. Insiste talmente tanto che mi costringe ad accettare.

Per fortuna, c’è il TMB, Test Muscolare Bilaterale. So che, qualunque cosa testo con questo strumento, non posso sbagliare. Il suo corpo m’indicherà esattamente gli interventi e correzioni di cui ha bisogno. Nell’attesa del nostro incontro, faccio un elenco delle risorse e dei talenti che ho alla mia disposizione per farle “del bene”. Insomma, ci sono parecchie possibilità e trovo un po’ di fiducia in me stessa.

Per farla breve, non solo ci siamo inventate una seduta del tutto personale, ma Judith è tornata regolarmente per lavorare su varie tematiche e, in più, mi ha anche mandato altre persone nel corso dell’anno! 

Non solo. A Settembre, ho accettato di raggiungere il team di consulenti dell’associazione di terapie naturali NATA, dove svolgo per il terzo anno dei seminari Mandala. 

Che c’entra con la pittura? Nulla apparentemente, però… ha tutto da vedere con il Wellness. 

Chi ha letto Wellness Pittorico sa che durante e dopo la lotta vittoriosa che ho sostenuta contro il cancro per ben due volte, mi sono  interessata con passione ed entusiasmo a varie tecniche di terapie alternative come i Fiori di Bach, i due primi livelli di Reiki, i dieci primi livelli di Kinesiologia Emozionale, la 3 in 1 Concept (tecnica di scioglimento dello stress tramite conscio, subconscio, fisico). Ho seguito i corsi della Scuola di Scienze Quantistiche e Libertà di Coscienza del Dottor Conforto come pure le tecniche di Theta Healing DNA 1, 2 e Avanzato. Sono stata assidua alle lezioni di Michelle Bruyère, insegnante e terapeuta di psicologia transpersonale, bioenergia e medicina energetica (lei stessa allieva di Patrick Drouot, fisico e scrittore francese). In fine sto seguendo l’insegnamento della Cabala. Per me, il vecchio adagio “Quando è pronto l’allievo arriva il Maestro” si è verificato senza defaillance.

Sembra che sia ormai arrivato il momento di mettere al servizio degli altri le competenze acquistate negli ultimi anni. 

OK, ma che cosa faccio con queste persone che si fidano di me? Ecco il testo della locandina:

 

Al di là della Coscienza

Una Via alla guarigione e all’espressione del Sé

  Per riconoscere e riconnettersi alla propria ricchezza interiore,

per essere nell’accettazione di se …

 … troviamo il potere di dell’auto guarigione attraverso il Theta Healing, con l’aiuto della lettura del campo energetico, i viaggi Tattwa e la Cabala con l’albero della vita.

 I Fiori di Bach, l’energia dei colori, lo scioglimento dello stress e ben altri strumenti fanno da sottofondo ad un profondo processo di trasformazione.

 Slegarsi dalle memorie passate ci permette la Liberazione da ciò che le ha fissate nel corpo, rende alla vita attuale la gioia, la scoperta, la creazione ….

 per un nuovo sguardo che si apre sulla vita.

 Da solito incontro le persone 2 o 3 volte su una tematica precisa, a distanza variabile secondo la situazione. La più breve è stata di tre giorni, la più lunga di cinque mesi.

Vengono delle persone già “in cammino”, ricettive a strumenti sottili di comprensione e guarigione di se stessi. Completo o accompagno un lavoro già avviato con tecniche più classiche come psicoterapie, Costellazioni familiari e altro.

 Faccio da guida per raggiungere un livello di coscienza superiore.

 Vederle andarsene con un sorriso sulle labbra, spesso abbracciandomi con tanto calore, è un sentimento ineffabile che mi riempie il cuore.

Si, la vita vale la pena di essere vissuta, quando mi sento utile per gli altri.

PS. Che c’entra l’ illustrazione di questo articolo? Leggi la storia di La ragazza con l’aquilone: voglio guarire!. Come lei, le persone che vengono a trovarmi chiedono aiuto e cercano delle risposte al di là delle loro percezioni umani limitate.

Wellness Pittorico: “E dopo la nascita ?” 1

Come tutte le creature appena nate,  Wellness Pittorico è destinato a crescere.

Ti confesso che io lo considero come una creatura vivente, ti dirò di più …come un figlio. Parlare in questo modo di un metodo può sembrare strano ma io lo percepisco cosi. Nella vita sono madre di una femmina di 18 anni e di un maschio di 16 anni. Loro crescono e sono destinati a andare via. Marion è già in Francia da un anno per i suoi studi e Mathieu se ne andrà presto. Invece la mia pittura e il modo in cui la faccio evolvere rimarrà dentro di me.

Più crescerò io, più crescerà lei. E’ un arricchimento mutuale quotidiano.

Questo pensiero mi conforto molto. Sono sicura che tutte le madre soffrendo della sindrome del “nido vuoto” mi capiscono benissimo.

Dopo avere realizzato “L’uomo nascente“, ebbi l’opportunità di verificare una mia ipotesi.

Un carissimo cliente di Parigi m’incaricò di creare per lui un albero della vita con le sue 10 Sefirot. Spiegare un concetto fondamentale dell’insegnamento della Cabala non è il proposito di questo post che non basterebbe! Quindi t’invito a leggere quello che ne dice Wikipedia.

Albero di Vita Parigi  La posta era importante e la sfida grande, soprattutto perché non potevamo vedersi fisicamente per usare il TMB( test muscolare bilaterale). Però sono del parere che siamo collegati in ogni modo tramite il pensiero e su altri livelli sottili con le persone. Quindi, dopo avere parlato a lungo con il committente molto fiducioso (beato lui!), usai una persona neutra per testare i diversi elementi che mi servivano per elaborare il progetto.

Il bozzetto mandato con Internet fu approvato caldamente e lo realizzai a Roma su tela. Lui, essendo romano, approfittò di un viaggio nella sua famiglia per prenderne consegna e fu profondamente soddisfatto del risultato, alla mia gran gioia … e sollievo!  Potevo entrare in contatto con i desideri profondi di una persona … anche a distanza e trasmetterli sulla tela.

Continua a leggere