Londra accoglie la donna che ringrazia la vita

londra-bus-big-benCome l’avevo promesso in Terapia Mandala e sesto senso nella magica Umbria, dopo un vergognoso pressappoco abbandono per più di un anno, eccomi di nuovo, pronta a riprendere la penna e questo blog in mano!

La ragione di questo lunghissimo quasi silenzio? Leggilo:

Roma/ Londra – il 22 Ottobre 2009

Marina, la mia amica di cuore, la mia anima gemella è venuta a casa per accompagnarmi all’aeroporto. Finora ero sempre partita da sola per le mie avventure, ma oggi, le forze mi mancano. Ho chiesto il suo aiuto.

Nel taxi, tremo come una foglia al vento. Mi prende la mano e la lascia andare solo in vista dell’aeroporto. Mi ci sono aggrappata tipo il naufrago alla sua linea di vita.

Check-in fatto, rimane del tempo per un caffè. Parliamo come solo le donne tra di loro possono fare, a cuore aperto, intimamente. Nessuna cerca di risolvere i problemi dell’altra, ci basta comunicare le paure, le gioie, le speranze, i sogni.

E’ ora di andarci. “Si, ti chiamo appena arrivo, promesso.” Un ultimo abbraccio stretto stretto e mi incammino verso i controlli sulle mie gambe appena tremanti.

Nell’aereo, provo un tale caos di pensieri nella mia testa e un vortice di emozioni nel cuore. Faccio fatica a respirare, il mio corpo mi sta tradendo, cosi debole, vulnerabile. Mi sento nuda in mezzo al nulla, al deserto.

Il comandante annuncia la discesa su Londra Heathrow. Almeno sembra che non piovi come a Roma. Uno scossone, le ruote hanno toccato terra.

La porta dell’aereo si è aperta. Esco sulla piccola piattaforma e prendo qualche secondo per guardarmi attorno. Il sole è sorto tra le nuvole e sento il suo calore leggero sulle guancie. Scendo le scale di metallo, mi ritrovo sull’asfalto, prendo una grande boccata d’aria tiepida. I miei polmoni si spiegano, la morsa attorno al mio petto è sparita.

Sono viva e sono approdata su una nuova sponda. Benvenuta alla donna che ringrazia la vita.

Hai appena letto un estratto di questo famoso libro di cui ho parlato nell’ultimo post: In anteprima: Il cancro ha guarito la mia vita oppure Non dire alla mamma che sono scrittrice, mi crede pittrice a Trompe l’oeil. Ti ricordo che puoi scaricare subito e gratuitamente i due primi capitoli clickando qui Il cancro ha guarito la mia vita oppure sulla finestra in alto a destra. Ne cominciai la scrittura nel Dicembre 2007 per finalmente concluderla a Londra quest’autunno.

Da questo famoso 22 Ottobre, tante avventure e esperienze nuove sarebbero da raccontare.

Volontariamente spogliata di qualunque cosa che mi dava finora un senso di identità e sicurezza (certo illusorie ma quanto comode!)… Privata di ogni fonte di affetto (neanche la mia amata gatta, adottata dai miei temporaneamente per ragioni di vaccinazione e quarantene) … Mi ero cacciata fuori da qualsiasi comfort zone! E di più, con gli occhi ben aperti, cosciente di quello che andavo incontro.

Perché? Seguivo la mia anima. Lei mi voleva fuori dal guscio protettivo dell’Italia, in contatto con la lingua inglese che amavo da piccola. Un intero ciclo si sta concludendo, anno di transizione e di grandi cambiamenti diceva la numerologia. Eccome!  Quanto doloroso può rivelarsi la pratica del distacco!

Ne valeva la pena? Definitivamente si, anche se non rivivrei questi 14 mesi per niente al mondo, anche se la trasformazione è ancora in atto. Ho preferito prendere la mia vita nelle mie mani e fare io le mie scelte piuttosto  che aspettare con la speranza che qualche cosa sarebbe successo per farmi uscire dalle acque stagnanti e in pericolo di marcire in cui mi ritrovavo infossata.

Scrivendo il libro, mi sono resa conto che la passività e l’attesa del momento buono (e se non venisse mai … ) non danno niente di buono. Sforzano il “destino” a colpirci violentemente per finalmente portarci all’azione.

Molto meglio agire per primo!

Non ho l’intenzione di raccontarti nel dettaglio quest’ultimo anno. Forse un giorno ne farò un altro libro. No … voglio solo mettere in rilievo alcune pietre angolari di quest’avventura, in linea diretta con l’obiettivo di questa nuova vita.

A presto!

Prossimo appuntamento: “Coincidenza? No, evento sincronico: l’incontro con la  contessa polacca.”

In anteprima “Il cancro ha guarito la mia vita”

"Il cancro ha guarito la mia vita" Annick' Solange Augier

Non dire alla mamma che sono scrittrice, mi crede pittrice a Trompe l’Oeil!

E’ il titolo di un paragrafo del mio libro. Sì sì, un libro! 240 pagine tutte scritte dalla mia mano, quasi pronto a uscire.

Il quasi è importante perché è il motivo di questo post.

Ho scelto di pubblicare io. Significa che sto imparando una quantità di mestieri che non s’immagina quando si legge un libro. Tutto ciò prende tempo.

Ed io sono impaziente. Il seme del progetto è stato piantato a Ottobre 2007. Vai a leggere la storia della sua nascita:  Basta scriverlo!  Tre anni di gravidanza sono più che sufficiente! Ora basta procrastinare. Di sicuro lo vorrei migliorare ancora e ancora ma la verità nuda e cruda, al di là del mio perfezionismo, è che ho paura.

Pubblicare un’autobiografia… questo si che è una sfida! E’ come presentarmi nuda per strada o quasi. Di conseguenza ho paura ma non rinuncerò.

Il libro è pronto, sì… però prima di averlo in vendita tramite internet, ci vorrà ancora magari una settimana  … ma forse un mese.

Per darmi una spinta, ho deciso di farti un regalo, caro lettore, fedele o occasionale, non importa.

Spesso un regalo di questo genere si accontenta del primo capitolo del libro. L’ho trovato insufficiente e te ne propongo due con gioia! Niente di meno.

Vai a Il cancro ha guarito la mia vita” oppure click sulla finestra in alto a destra del blog per scaricarli.

In questo modo , sarai avvertito personalmente appena il libro sarà messo in vendita in versione cartacea consegnata a casa tua o sotto forma di ebook scaricabile immediatamente.

Il titolo è proprio Il cancro ha guarito la mia vita. In altre parole: Come trasformare il piombo in oro o Avere un sogno e proseguirlo oppure Da pittrice decoratrice a Trompe l’Oeil, come diventare una pittrice del cuore e dell’anima delle persone.

Sei incuriosito? Te ne racconto di più nei primi due capitoli. Fai il download e ci ritroviamo presto!

Articolo correlati: E’ nato”Il cancro ha guarito la mia vita”. Basta scriverlo!

Il Mandala e altro per una scrittura creativa

Come finalmente scrivere il libro dei tuoi sogni!

Come finalmente scrivere il libro dei tuoi sogni!

Il nostro piccolo club letterario è talmente felice dei nostri incontri e dei risultati che mi hanno spinto a riproporre il seminario. Uno di noi sta per portare il suo manoscritto all’editore! Quindi, Tah Tah …! Ho l’immenso piacere di annunciare il nuovo “Come scrivere finalmente il libro dei tuoi sogni”, un anno dopo la prima edizione. Ovviamente l’ ho sostanzialmente modificato … … per migliorarlo.

A chi si rivolge: chi ha già un progetto di libro avviato, al meno nella testa se non su carta. Chi sente il desiderio di esprimersi tramite la scrittura senza avere ancora le idee ben chiare sul come e che cosa.

Obbiettivo: “Il libro è nato. Basta scriverlo!”. Sbloccare gli ostacoli, affinare o determinare il tema scelto, uscire dal seminario con la struttura ideale elaborata e avere avviato la scrittura di un capitolo.

Ecco il testo della locandina:

COME FINALMENTE SCRIVERE IL LIBRO DEI TUOI SOGNI!

 Hai sempre desiderato scrivere un libro?

Non hai mai saputo da dove cominciare?

Non hai trovato il tempo per farlo?

 Tutte scuse per nasconderti !!!

 Che ne dici di:

Sprigionare la tua vena creativa

Liberare la fluidità delle idee sotto forma di gioco

Scoprire l’uso delle mappe mentali per organizzare i tuoi pensieri e renderli produttivi

Tornare a casa con la struttura del libro desiderata

E strada facendo ……

Sciogliere qualche blocco limitante!

 Scopri il libro che c’è in te. Con passi semplici e gioiosi, il seminario si dipana

in due giornate alla fine delle quali

il libro è fatto! Basta scriverlo …

Faremo uso di Theta Healing, dei Fiori di Bach, del Test Muscolare Bilaterale, del potere del colore e di ben altri strumenti

Articolo correlato: Mandala e altro per una scrittura creativa

Ti ricordo i prossimi seminari:

  •  Aldilà delle memorie: “Sciogli il passato e vivi con successo il tuo presente” con l’uso di tecniche energetiche come l’Aura Soma, il Theta Healing, la PMT (Pyramidal Memories Trasmutation), la lettura dei Corpi Energetici. Sabato 14 Marzo
  • Ritiro di psicoterapia con i Mandala: chi non ne sa nulla può leggere ad esempio Ritiro con il Mandala, La via del Mandala e iscriversi alla mailing list in alto a sinistra. Cosi riceverà subito gratuitamente un corso completo. Domenica 15 Marzo- Domenica 5 Aprile
  • Crea la vita che vuoi: Due giorni per fare un punto e per riscrivere e ridisegnare quello che tu vuoi oggi per il tuo futuro. 28-29 Marzo

 

Aldilà delle memorie

Il drago che guarisce“Sciogli il passato e vivi con successo il tuo presente”

 Sabato14 Marzo 2009 – Roma

In seguito all‘articolo precedente, oggi ti presento il primo di questi seminari annunciati, “Aldilà delle memorie“.

Avrò il piacere di lavorare in compagnia di Nadja Moroder, psicologa. Ha sviluppato la “Cromoterapia Energetica” attraverso l’integrazione di varie tecniche olistiche come Aura Soma, Penna Luminosa, Fiori di Bach, Cristalloterapia, PMT (Pyramidal Memories Transformation), Kinesiologia Emozionale e Piastrine White. Questo metodo unisce le conoscenze psicologiche a interventi sul piano energetico così da permettere un evoluzione personale  più libera e fluida. E’ di vitale importanza per lei un approccio a 360 gradi atto a stimolare con dolce fermezza le risorse insite in ogni persona. 

Ognuno di noi porta sulle spalle uno zaino, colmo delle esperienze della nostra storia personale…

Durante l’arco della nostra vita ci mettiamo dentro quello che vogliamo, barrette ai cereali, coltellino da campo, maglione,  impermeabile, magari una crema solare…

Ma col passare del tempo ci scordiamo di togliere le cose che non ci servono più da questo zaino… ed ecco che rimangono le pinne di quando siamo stati al mare, la pietra che abbiamo raccolto in montagna, il libro che leggevamo quando eravamo bambini.

Tutte queste cose le portiamo ogni giorno in spalla!

Quindi è importante, a un certo punto del nostro viaggio di vita,  fermarsi, riaprire lo zaino e togliere tutto ciò che non ci serve più, affinché possiamo procedere più spediti e leggeri  verso la nostra meta, qualunque essa sia!

Ecco ciò che viene proposto in questa giornata “aldilà della memoria”:

Liberarsi con dolcezza e fermezza di ciò che non serve più

usando delle tecniche energetiche come l’Aura Soma, il Theta Healing, la PMT, la lettura dei Corpi Energetici. 

Queste tecniche hanno in comune una modalità di  lavoro molto efficace, al tempo stesso divertente e dolce, senza traumi! 

Questa giornata dà inoltre la possibilità di capire meglio il momento attuale in cui si vive e di lavorare attivamente sugli ostacoli presenti durante l’arco della giornata, con una riflessione personale conclusiva. 

Due possibilità di partecipazione: 

  • 1. Seduta individuale: Durata di circa un’ ora e mezza. Su appuntamento.
  • 2. Giornata intera     : Farai parte degli operatori che conducono le sedute di PMT, nelle quali avrai l’opportunità di lavorare sulle tue tematiche personali. Questo processo, combinato alla tua seduta individuale e alle esperienze di gruppo, ti permettono di sciogliere gli ostacoli e di passare alla prossima tappa del tuo percorso evolutivo. 

Aggiungerò che questo innovativo seminario nasce soprattutto come percorso di autoguarigione da proseguire nel tempo.

Tuttavia, ogni giornata/ seduta è completa in se stessa. Ovviamente, la giornata permette una profondità di elaborazione maggiore.

Si svolgerà presso:

NA.T.A.  Associazione Terapie Naturali – Viale Trastevere 248 – Roma

Il numero di posti è limitatissimo. Prenotazione obbligatoria Tel. 06. 583 34 846

Arte premonitorio, nuovi seminari e altro

Intarsio di pietre dure in trompe l'oeil

Per illustrare il mio proposito di oggi, ho scelto questo intarsio di pietre dure, dipinto ai miei tempi di studentessa nell’arte del trompe l’oeil, cioè nel 1995.

Per chi si interessa ai dettagli tecnici: 60x30cm, acrilico, olio e metallizzazione su tela di poliestere.

La vista di questo mazzo composto di fiori tutti diversi mi fa pensare alla mia attività, o, dovrei dire, le mie attività, perché composta da un mosaico di diverse discipline. Oggi faccio un po’ di comunicazioni di servizio riguardando loro. 

Non ho scritto nulla da un mese eppure mi sono data da fare. Da quando ho concluso “Risurrezione tramite il Fuoco”, ammetto che ho dipinto ben poco, dedicando gran parte del mio tempo al marketing e non alla creazione artistica. Comunque ho avviato un nuovo dipinto che si rivela di ispirazione nettamente egiziana.

 La prima cosa che ci ho disegnato erano due serpenti. Guarda caso, poco tempo dopo, durante una seduta privata con Fiorella Lucani, ho cominciato a lavorare sulle mie memorie rettiliane, quelle legate alla sopravivenza, e  all’occasione dei seminari Mandala che portiamo avanti con un entusiasmo sempre più grande ogni mese, alcuni partecipanti hanno, anche loro, affrontato quest’argomento.

Non è la prima volta che noto delle similitudine tra il soggetto trattato e gli eventi che accadono. Mi viene da riflettere sul fatto che al meno alcune delle mie opere si scoprono apparentemente premonitorie. Siccome quell’ultima avviata potrebbe chiamarsi “Abbondanza” oppure “Prosperità”, mi sembra di ottimo augurio per il futuro!

Rimanendo nel capitolo Pittura, è finalmente pronta la mia pagina ospitata da RomArt, il portale degli artisti romani. Dai un’occhiata. Ci troverai tutte le mie opere di questi ultimi anni, accompagnate dalla versione abbreviata delle storie che raccontano. Spiego anche qual’è il mio obbiettivo e che cosa propongo ai commitenti.

Sul piano workshop e seminari, mi preparo a un mese di Marzo molto impegnativo . Le novità faranno l’oggetto di articoli più dettagliati (li sto preparando). Intanto ti annuncio il programma:

  •  Aldilà delle memorie: “Sciogli il passato e vivi con successo il tuo presente” con l’uso di tecniche energetiche come l’Aura Soma, il Theta Healing, la PMT (Pyramidal Memories Trasmutation), la lettura dei Corpi Energetici. Possibilità di partecipazione sia con una seduta individuale che come lavoro di gruppo. Sabato 14 Marzo
  • Ritiro di psicoterapia con i Mandala: chi non ne sa nulla può leggere ad esempio Ritiro con il Mandala, La via del Mandala e iscriversi alla mailing list in alto a sinistra. Cosi riceverà subito gratuitamente un corso completo. Domenica 15 Marzo- Domenica 5 Aprile
  • Come scrivere finalmente il libro dei tuoi sogni: il libro è fatto! Basta scriverlo21-22 Marzo
  • Crea la vita che vuoi: Due giorni per fare un punto e per riscrivere e ridisegnare quello che tu vuoi oggi per il tuo futuro. 28-29 Marzo

Ti ricordo che si tengono tutti presso l’ Associazione Terapie Naturali. I posti sono limitati. Prenotazione obbligatoria. NA.T.A Viale Trastevere 248 – Roma – Tel. 06. 583 34 846

Ultimamente ho vissuto un’esperienza interessantissima. Sono stata in contatto telefonico con Geoff Freed, notevole docente, scienzato, guaritore e psicoterapeuta da oltre 45 anni. Mi chiese quale “ritratto della sua anima” percepivo. Qualche giorno dopo, lo richiamai e gli descrissi la mia visione. Rimase  commosso … e io sconvolta di aver azzeccato solo tramite una conversazione telefonica. Sto realizzando ai miei tempi persi, una piccola versione che gli manderò. Magari pubblicherò la foto.

Mi ha citata molto gentilmente nel suo blog di Febbraio :” Annick Augier, lovely French lady who through her illness has developed a real talent which you can read about in www.annickaugier.isendyouthis.com . Annick hopes to live in London and one can commission a painting with reading by contacting her. I have had a reading and it was most impressive. It deals with the spiritual and soul side of one and this was over the phone.”

Finalmente, la scrittura del mio libro va avanti, tanto più che il gruppo letterario creato dopo il seminario “Il Mandala e altro per una scrittura creativa” mi ha “imposto” spietamente la conclusione dei lavori a fine Aprile. Argh!

Mandala 08-09: L’anima e il suo percorso

Da dove viene l’anima? Qual è il suo percorso? Che cosa ha da dirti e come fare ad ascoltarla per scegliere la vita per la quale sei nata/o?

Bello questo programma, no? Lancia la stagione 2008-2009 della Via del Mandala, workshop di una Domenica al mese tenuto a Roma presso la NATA per il quarto anno.

Il cuore del drago che risuscita i mortiNon sai bene che cos’è un Mandala? In sanscrito significa “cerchio magico“. E’ un potente simbolo terapeutico per la tua unità, l’equilibrio e l’armonia di tutto il tuo essere. La realizzazione in modo giocoso e creativo del tuo mandala personale e l’elaborazione del suo messaggio sono non solo un momento di rilassamento, distensione e concentrazione, ma soprattutto una forma di spazio per te, un’ opportunità di crescita e di sviluppo.

 Quindi, disegniamo, coloriamo, ridiamo, sprofondiamo in momenti di profondo silenzio e concentrazione, vero ritiro in se stesso, e interpretiamo i nostri capolavori con l’aiuto di varie tecniche che potenziano le capacità di auto guarigione del mandala stesso. La lettura dei corpi sottili che pratico da l’anno scorso continua a rivelarsi una bomba. Si presenta sotto forma d’elementi, scene, colori che io “leggo” dal corpo dell’altra persona, da aggiungere e da integrare al disegno di base. Sono dei veri e propri messaggi mandati dall’energia dei corpi sottili che ti permettono l’accesso ad una presa di coscienza dal più profondo di te stesso.

Da non dimenticare le competenze della Dressa. Fiorella Lucani che si aggiungono alle mie. Psicologa e Psicoterapeuta, autrice di “I Fiori di Bach”, presidente e fondatrice della NA.T.A. (Associazione di Terapie Naturali), pratica anche l’Aura Soma e la PMT.  Propone da un bel po’ di tempo ai suoi pazienti La Via del Mandala come un vero e proprio percorso terapeutico.

A parte il piacere e l’entusiasmo di ritrovarsi all’inizio di una nuova avventura, il primo incontro si è rivelato molto impegnativo. Siamo entrati in contatto con delle tematiche molto profonde, trattate per la prima volta su questo livello dell’anima. La nuova stagione promette d’essere mooolto interessante!

Siamo impazienti di procedere lungo questo percorso!

Prossimo appuntamento: Domenica 5 Ottobre

Chiunque è interessato può raggiungerci a qualsiasi momento dell’anno e sarà il benvenuto. Non c’è nessuno bisogno di particolari doti in disegno per poter fare il proprio Mandala.

Disegno Mandala e scrittura interiore: una bomba!

Splendido weekend di conclusione per il ciclo di seminari Mandala dedicato all’Unità! Chi ha potuto partecipare ai due giorni proposti, ha sperimentato con gran successo una novità: l’abbinamento del disegno Mandala con la scrittura interiore. Ne è uscita una bomba.

Già la realizzazione del disegno Mandala del Sabato e le riflessioni e sensazioni conseguenti, costituiscono in se una terapia. In più, ciascuno deve considerare i colori che ha usati come dei protagonisti di una storia che scrive dalla A alla Z: nome e descrizione dei personaggi, ambiente dove si svolge l’ azione, dialoghi e interazioni, conclusione.

Non hai idea di quante scoperte inaspettate, quasi scioccanti vengono alla luce. Ecco perché l’ho chiamata scrittura interiore, svela proprio dei meccanismi inconsci pazzeschi!

La mia partner, Fiorella Lucani, come psicoterapeuta, sarebbe meglio adattata per descrivere quello che è successo al livello terapeutico. Posso solo testimoniare delle incredibili prese di coscienza avvenute tra i partecipanti su delle tematiche come rapporto con la madre, rabbia, dipendenza, successo frustrato, venire fuori me stessa, autosvalutazione, conquistare la libertà come centralità…… tutti ovviamente personalizzati.

Il secondo Mandala di Domenica permette di lavorare sulle scoperte del Sabato, di sciogliere le scorie venute a galla e di lasciare andare il superficiale per tornare allo splendore dello stato originale.

Alla fine di questa maratona, un’evidenza s’impone a tutti: un ciclo d’evoluzione molto importante è compiuto. Un portone si apre davanti a ciascuno dei partecipanti, una nuova visione del suo mondo destinato ad esaltare i doni e le facoltà di ognuno.  

Prossimo appuntamento il 7 Settembre! Vediamo che cosa ci aspetta, una volta che abbiamo varcato la soglia!

PS. Se non è già fatto. iscriviti alla mailing list di Wellness Pittorico (il pulsante in alto a destra) ! Riceverai in omaggio il corso “La via del Mandala”, che passo per passo, ti accompagna nella realizzazione e la comprensione di un Mandala dedicato a una delle tematiche più importanti della tua vita “In viaggio verso l’Unità“. Ti permette di avviare un splendido processo di evoluzione personale per stare meglio semplicemente.

Ecco alcune opere di questo ultimo ritiro prima le vacanze:

 “Non più dipendenza ma appartenenza! Dal mio centro un vento forte quanto un uragano spazza via tutto ciò che del passato deve andare via e che decido/scelgo di lasciar andare.

Con la guida del mio cane alla ricerca di chi sono. E’ appena iniziato e già posso dire che :

  1- Non sono mia nonna.

  2- Non sono mia madre

  3- Io ho dei confini ed uno spazio sacro.

 SOFFIA VENTO, SOFFIA……POI CHISSA’

 Che io sia la benvenuta.

 Il brutto anatroccolo  è un cigno !” (Roberta)

Grazie Annick!

Sono davvero contenta di avervi conosciute e di poter condividere questo
percorso di cambiamento e di affermazione. Voglio proprio vedere cosa farà questo “doblone che è uscito dal forziere” (ricordi Fiorella domenica??) in cui era (o si era) costretto!!!

Un abbraccio e a presto.
Laura

 

  

                   Sabato                                        Domenica

 “Mela canta, mela suona!” Paola e i suoi disegni. Inserisce sempre l’animale guida di turno nel suo disegno! il suo tema era “Alla ricerca della mia creatività”.

 

 

Anna: “Mi sento in pace”.

Parla di arrivare alla fine della  dolorosa gestazione della sua rinascità.

 

Tea, cakes and a little bit of art and creativity!

www.louisemorgan.co.uk/.../tea-and-scone.jpgHi! I’ve come back from six amazing, powerful, so intensive days in London! Ups…E’ vero, sono tornata in Italia. Peccato, il mio inglese stava migliorando sul serio!

Un mese  è passato dal mio soggiorno a Londra. Ho vissuto innumerevoli emozioni, contatti ed esperienze e ammetto che sono rimasta sotto shock per alcuni giorni. Ho decodificato un bel po’ di cose, e di sicuro sono cambiata. Il futuro mi dirà in che modo. Comunque, condivido qualche cosuccia con te.                                                                                              Opera di Louise Morgan

 Partecipare al seminario Freeing your creative genius era il fattore scatenante di questo viaggio. Era pure l’opportunità di eseguire il primo passo verso la realizzazione di un sogno.

 Guardiamo la realtà in faccia, non basta sognare e pensare in positivo per raggiungere un obbiettivo. Bisogna anche AGIRE. Posso passare tutta la mia vita a desiderare ardentemente fare una mostra di successo a Londra, svilupparci la mia attività per poi trasferirmi. Però, senza fare il primo passo, poi il secondo, poi tutti gli altri in seguito, mi rimarrà solo un amaro rimpianto nei miei vecchi giorni: ” Se solo avessi fatto, trovato il coraggio, tentato …”, “… ma aspettavo il momento buono per…”. Si, e cosi, il momento buono non è mai arrivato. Vai a leggere o rileggere “L’attesa: ho il coraggio di scegliere la mia srada?” su questo proposito.

Quindi, nuovo sito web in inglese, nuovo biglietto da visita dove finalmente oso intitolarmi Pittrice dell’anima, “Painter of the soul”, una decina di gallerie selezionate, l’iscrizione al seminario … ed ecco mi qui sbarcando a Victoria Station, in mezzo ad una Londra brulicante di vita.

 Il mio cuoricino batte forte forte, come se io fossi una pioniera sulla via del suo Nuovo Mondo. Respiro a pieni polmoni l’energia potentissima, quasi sopraffante  che pulsa attorno a me. Ragazzi, mi sento felice. Questa sensazione di essere tornata a casa …

 Il sapore della prima “nice cup of tea” (il te li è tutto un’altra cosa), l’ambiente caloroso del primo pub, il piacere goloso del primo “apple pie” ( una specie di torta alle mele, sono golosa)… Tutto questo è inconfondibile, irrepetibile in un altro paese.

 Cominciamo a lavorare già dal Venerdì sera. Nella sala, sono tutti inglesi tranne noi 5 da Roma (in realtà, una canadese, un’americana, una francese e due italiane). Sul palcoscenico, John Sterling Carter, un Access Facilitator.

 Due giorni dopo, che cosa è successo? Difficile da spiegare. Lui ha la capacità di sentire proprio dove è il punto dolente delle persone e di piombarci addosso, smontando, passando oltre le strutture mentali per fare intravedere, sentire altre opportunità. Il moto di Access è di permettere di aprirsi alle infinità possibilità dell’Universo e di riceverle grazie all’uso di domande aperte e di frasi e processi di pulizia.

 Sembra facile e troppo semplice cosi spiegato, ma è potente, l’ ho sperimentato sulla mia pelle. Quindi, a parte il fatto che ci siamo divertiti molto, la Domenica sera mi sentivo proprio strana, diversa.

 Tornata a Roma, ho ripreso le mie meditazioni e hanno riflettuto quello che mi sentivo dentro: il bianco assoluto, il vuoto. Un azzeramento di quello che finora rappresentava degli obbiettivi certi, proseguiti da vari mesi o addirittura anni.

 E’ molto destabilizzante. Chi sono realmente, che faccio adesso, dove vado? Dopo una seduta di Bars (tramite il tocco di punti sulla testa, si lasciano andare le cariche elettriche detentrici di pensieri, idee, credenze, emozioni diventati obsoleti), mi sono sentita un po’ meglio per poi riprendere possesso di me, usando le risorse alla mia disposizione, e proseguire per la mia strada.

 Conclusione:

 – al mio ritorno, mi è apparso evidente di riscrivere il mio libro in un modo diverso. Sono molto contenta del poco che ho già ripreso. Solo che mi ci vorrà un anno per completarlo!

– mi sono resa conto che tutti i questi anni, mi ero totalmente identificata alla mia attività di pittrice. ERO una pittrice. Sbagliato! Faccio la pittrice, un sacco d’altre cose e sono in ogni modo molto di più ancora. Mi sono permessa di accogliere nella mia vita altre opportunità.

– Questo metodo mi sembra più adatto, senza nessun giudizio da parte mia, a delle persone piuttosto rigide che agiscono prigionieri di schemi mentali molto presenti. Scoprire le infinità possibilità dell’Universo e rompere il botto di ferro in cui vivono, buttare i paraocchi e scoprire che la scelta è possibile ogni 10 secondi… … non è mica male.

– Per chi, come me, lo sa già, e ha una tendenza a partire su 1000 progetti tutti più creativi l’uno dell’altro, direi che c’è il rischio di perdersi.

Poi ho passato tre giorni da sola a percorrere la città e visitare delle gallerie d’arte. Questo è un argomento sul quale forse farò un articolo più in là. Sono ad Amsterdam questo weekend, con figli e ex marito, ma spero di poter anche li entrare in qualche galleria.

Insomma un’esperienza ricca d’insegnamenti.

 PS. Mi chiedi delle notizie dei quadri in corso? Beh… sono proprio in corso e ammetto che dipingo ben poco in questo periodo.

Nel suo libro altamente raccomandabile “I’d rather be in the studio” (Preferirei rimanere al mio studio), Alyson Stanfield, una coach americana specializzata negli artisti, martella che un artista deve dedicare 50 % del tempo al suo proprio marketing. In effetti, sono entrata in una fase di viaggi e promozione.

Pazienza… Il tempo dei pennelli e delle lunghe ore nello studio tornerà.

Portale1: Questo è il mio centro interiore, il portale da oltrepassare, quando inizio un cammino 2

Dopo aver letto, la settimana scorsa, l’analisi dettagliata di Portale 1, capisci perché ho scelto questo dipinto come header del blog?

 Sei partita/o alla ricerca del tuo centro interiore – oppure ci stai pensando – cosa succede nella tua vita?  Hai un sogno che la tua anima ti ispira e  metti tutte le tue risorse per realizzarlo? Quali cambiamenti avvengono sul tuo cammino?

Solo tu puoi rispondere a queste domande. Raccontaci la tua esperienza, lascia un commento.

Intanto faccio l’apripista. La storia d’oggi è la mia (d’accordo, anche le precedenti sicuramente) in prima persona.

Ti svelo qual è stato il significato di quest’opera nella mia vita e perché ho voluto renderlo disponibile a molti. Dai un’occhiata alla Boutique appena aperta.

Ho creato “Portale 1” tre anni fa, nel corso dell’estate 2005, su tela di 100×100 cm, acrilico e olio. Marca l’inizio di un cambiamento fondamentale per me: avevo deciso di lasciare la mia attività di semplice pittrice decoratrice a Trompe l’Oeil per dedicarmi completamente a “Wellness Pittorico” e alla creazione delle opere personali che sentivo fremere in me.

Il mio cuore e la mia anima si sentivano felici e finalmente ascoltati, apprezzati. La mia mente invece sveniva dalla paura di questo salto nel vuoto, nell’ignoto. Però, da qualche parte dentro di me, lasciavo gli anni di buio per andare verso la luce e la guarigione.

Ti confesso che, ovviamente, è stato più facile decidere che mettere in pratica perché in realtà è un processo d’ogni giorno. Ma non ho mai rimpianto la mia decisione.

Da questo momento sono nate altre opere, riflettendo i cambiamenti in atto. Tuttora sto lavorando alla completezza di un ciclo: dalle stalle alle stelle, dal buio alla Luce, dallo squilibrio all’Unità.

Ci sarà una mostra. Non so ancora quando e dove. Il mio sogno è di realizzarla à Londra perché sento l’energia portarmi in questa direzione. A proposito, chi ha dei contatti in questo senso e li comunica avrà la mia eterna gratitudine! E’ nato ultimamente in inglese  il sito dell’ artista Annick Augier. Vai a vederlo, ci sono tante foto.

Parallelamente la scrittura del mio libro sull’opportunità che si è rivelata la malattia va avanti. L’uno completa l’altro. Tra parentesi, arrivata a 70% del lavoro compiuto, ho appena deciso di riscriverlo… in altre vesti. Meno classico, più diretto a chi mi leggerà. Mai arrendersi, c’è solo bisogno di una santa pazienza e di una tenacità di ferro. 

Tornando a “Portale 1″, rimane la prima pietra, la pietra miliare della mia ricostruzione.

Il mio desiderio è di trasmetterti quest’emozione e questo potere di cambiare dimensione, se lo vuoi.

Ho avuto tante richieste di renderlo accessibile a molti. E’ l’opera che piace a tutti.

Quindi, ti lascio immaginare quanto sono  felice di finalmente rendere disponibile la litografia 60×70 cm di ottima qualità con la quale inauguro l’apertura di: La Boutique del Wellness Pittorico”.

In partenza, né ci sono solo 100. Non so se ne rifarò.

– se hai bisogno di cambiamento nella tua vita,  anche o soprattutto se non hai ancora focalizzato quali …

– se senti il bisogno di entrare in contatto con il tuo Sé più profondo…

– se hai intrapreso il tuo cammino verso la Luce…

– se semplicemente ti piace il dipinto …

 Non aspettare troppo, ti ritrovo alla Boutique!

Portale1: “Questo è il mio centro interiore, il portale da oltrepassare quando inizio un cammino” 1

Riconosci ovviamente la versione integrale della foto dell’header che vedi sopra. L’ho scelta come illustrazione del blog perché simbolizza perfettamente tutto ciò che vorrei trasmettere.
 
 Questo dipinto è sempre piaciuto a tutti, però ce ne solo uno! E lo tengo per il momento perché sarà la pietra miliare della prossima mostra. Molti mi hanno chiesto di renderlo in qualche modo accessibile.
 
 Oggi è fatto! Sono finalmente disponibili delle stampe 60×70 cm di ottima qualità con le quali inauguro l’apertura di: La Boutique di Wellness Pittorico“.
 
Né ci sono solo 100. Non so se ne rifarò. Quindi se ti piace l’immagine, se ti sento commossa/o dal suo messaggio, è un’occasione da non perdere. Vai a vedere subito La Boutique di Wellness Pittorico.

 Cosa trasmette quest’opera al primo impatto?

Mi viene un proverbio:  “Buon tempo e mal tempo non durano tutto il tempo”

Sembra che sia la tradizione ufficiale (ho cercato sul dizionario) di “Dopo la pioggia viene il bel tempo“come si dice in Francia. Trovo la versione francese più ottimistica – per alcuni sarà pure ingenua – soprattutto se lo applichiamo, non alla meteorologia mutevole, ma a certi momenti della nostra vita. Da l’idea di lasciare veramente la pioggia alle spalle per andare verso il sole, senza possibilità, per la pioggia, di tornare.

Guarda “Portale 1″…

Trasmette proprio questo. L’aereo sta abbandonando la zona di tempesta per dirigersi verso un cielo perfettamente sereno.

Allora io, piccolo essere umano, mi chiedo: ” quando mi trovo in mezzo ad un pasticcio tremendo, sballottato di qua e di là dagli infortuni e gli sbagli, come faccio ad uscirne? Aiutooooo!

Osserva quest’aereo. E’ piccolo, si è quasi perso nella tempesta. Modello dai primi tempi, sarà un po’ lento, però va gagliardo verso la sua meta. L’aereo come tale prolunga il simbolo antico dell’uccello, cioè l’elevazione, la spiritualità, la sublimazione delle pulsioni.

 

Dove vado? Verso il cielo più sereno che ci sia mai visto, uno spazio sacro, privilegiato, spirituale. La meta finale è l’isola, al centro della composizione: il Sé, la Pace protetta, l’unità ritrovata. Rappresenta il ritorno su se stesso, l’interiorizzazione necessaria all’evoluzione personale, l’introspezione fertile.

E che cosa produce, nutre l’isola? Una palma, la manna del naufragato, il simbolo assoluto di prosperità, di vittoria e gloria!

L’ isola promette la salvezza a chi si è perso, smarrito nell’oceano della sua vita.

Allora sì, vale la pena di lottare per passare le tempeste della vita, l’oscurità della depressione.

Vale la pena di capire i suoi errori per lanciarsi con una totale fiducia verso la Luce e quello che ha da insegnarci!